Vai al contenuto principale

start layer

Type to search

Search field where you can type the word you want to search to see the related products and possible suggestions

end layer

start layer

My Account

end layer

start layer

end layer

start layer

Shopping Bag
0

end layer

start layer

Wish List
0
Wish List

Register now to create your Wish List

You can

  • save up to 50 items
  • receive information on item availability
  • add items to your Shopping Bag at any time

Register

end layer

indietro

Becoming Marni

Dal 9 maggio al 22 novembre, Marni Prisma, la serie di eventi sviluppati in occasione del 20° anniversario di Marni, occuperà in maniera pacifica gli spazi della Abbazia di San Gregorio, a Venezia, con Becoming Marni.

 

Con la supervisione di Carolina Castiglioni, direttore creativo dei progetti speciali di Marni, e curata da Stefano Rabolli Pansera – architetto e fondatore dell’agenzia curatoriale Beyond Entropy Ltd –  Becoming Marni è un’installazione site-specific che si compone di cento sculture in legno realizzate dall’artista brasiliano autodidatta Véio, distribuite nel chiostro e all’interno dei locali dell’Abbazia di San Gregorio, solitamente chiusa al pubblico.

 

Véio, rappresentato in esclusiva da Galerie Estação, vive e lavora a Nossa Senhora da Gloria, il piccolo villaggio nel nord-est del Brasile, dove crea le proprie sculture enigmatiche dando nuova vita a pezzi di legno, ciocchi e rami che trova lungo il fiume, individuando subito una forma animata in ogni pezzo.

 

Con Becoming Marni, l’identità prismatica Marni si esprime attraverso l’incontro e il dialogo con una forma unica di creatività. Pur radicalmente distanti per provenienza geografica e cultura, Marni e Véio condividono approccio e linguaggio. Entrambi esplorano il potere della trasformazione e ricercano la presenza della forma pura.  Il titolo Becoming Marni è frutto del dialogo tra opposti lontani, persone e luoghi diversi, accomunati dalla stessa estetica, inserendosi così nella mappatura di Tutti i futuri del mondo, che è il tema della 56° Biennale d’Arte di Venezia: disegna un mondo ideale, quindi uno scenario che potrebbe appartenere al futuro.